immagine copertina
2

rivista semestrale
anno I · numero 2
luglio-dicembre 2009

3. Crescita e maturità. La produttività del lavoro nelle economie agrarie tradizionali

Scritto da Paolo Malanima.

Premessa

A una prima fase di crescita delle società agrarie, fra il 4000 e il 3000 a.C., seguì una lunga epoca di stazionarietà del sistema tecnico. La produttività del lavoro non registrò aumenti sensibili, ma piuttosto cicli di crescita e di declino fino all’inizio del XIX secolo. La teoria della crescita ci aiuta a capire il ruolo svolto dalle tecniche, dai capitali e dalle risorse naturali nel rapporto popolazione-ambiente. I limiti del sistema tecnico hanno costituito gli ostacoli principali all’aumento della produttività delle civiltà agrarie pre-moderne.

Per circa 10.000 anni, e cioè dall’epoca della rivoluzione del Neolitico, intorno all’8000 a.C., sino all’inizio del XIX secolo d.C., l’agricoltura fu l’attività economica prevalente. Nel XVI secolo essa occupava una parte limitata della superficie del globo. A quell’epoca, le società agrarie comprendevano, tuttavia, circa l’80% della popolazione mondiale. Ai loro margini continuarono ad esistere sempre popolazioni di cacciatori e di allevatori, considerate come “barbare” nelle civiltà agrarie. Esse abitavano le superfici meno adatte alla coltivazione dei cereali, come le montagne, i deserti, i boschi, le pianure aride e le regioni fredde.

Costituirono sempre una minaccia per le civiltà agrarie. Nelle pagine seguenti, si rivolgerà l’attenzione a un aspetto d’importanza centrale delle società agrarie tradizionali, sotto il profilo economico, e cioè alla produttività del lavoro: il valore della produzione totale dell’economia diviso per il numero dei lavoratori. Essa rappresenta la capacità di produrre di ogni lavoratore. Se aumenta, e se il numero dei lavoratori e le ore lavorate non diminuiscono, cresce il prodotto pro capite, che costituisce il principale indicatore del benessere economico di una società.

Acquista questo articolo

Per acquistare solo questo articolo, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Casalini nel quale potrai effettuare l'acquisto e scaricare il singolo articolo.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

n. 2

Sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Editoriale

Questioni

Ricerche

Dossier

Laboratorio

Panorama

Biblioteca

Strutture