immagine copertina
3·4

rivista semestrale
anno II · numero 3-4
gennaio-dicembre 2009

I - 7. Internet: dalle origini al web 2.0

Scritto da Tommaso Detti, Giuseppe Lauricella.

Le origini di Internet risalgono agli anni Sessanta del Novecento e sono militari. Le prime basi teoriche e tecniche della rete vennero infatti poste fra il 1960 e il 1962 da un ricercatore americano, Paul Baran, che la pensò per dotare il suo paese di un sistema di comunicazione in grado di sopravvivere a un attacco nucleare sovietico e trasmettere l’ordine della rappresaglia. A realizzarne nel 1969 il primo embrione, Arpanet, fu inoltre un’agenzia del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti d’America: l’Arpa (Advanced Research Projects Agency). Quella rete segnò una svolta per almeno due motivi.

Essendo digitale, fece del computer, che sino ad allora era essenzialmente uno strumento di calcolo, un mezzo di comunicazione; essendo distribuita, creò una nuova forma di comunicazione sociale a fianco di quelle esistenti, che erano bilaterali o unidirezionali. Il telefono stabiliva un collegamento paritario, ma fra due soli individui; la televisione trasmetteva messaggi a un gran numero di persone, ma queste si limitavano a riceverli. Una rete digitale distribuita mette invece in comunicazione molti individui ed è al tempo stesso interattiva perché ognuno dei suoi nodi trasmette e riceve: tutte le macchine (e coloro che le usano) hanno uguali possibilità.

Acquista questo articolo

Per acquistare solo questo articolo, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Casalini nel quale potrai effettuare l'acquisto e scaricare il singolo articolo.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

n. 3·4

Sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Editoriale

Questioni

Ricerche

Ricerche monografiche

Dossier

La rivoluzione digitale

a cura di Alessandro Cavalli

Quando abbiamo deciso di dedicare i primi tre dossier di questa rivista, il primo alla rivoluzione neolitica, il secondo alla rivoluzione industriale e il terzo alla rivoluzione digitale abbiamo implicitamente fatto l’assunzione che quest’ultima è destinata ad avere un impatto sulle società umane comparabile a quello che hanno avuto le altre due. Ci siamo cioè trasformati mentalmente negli storici del futuro, immaginando che quando questi studieranno retrospettivamente l’epoca nella quale noi viviamo oggi la valuteranno così densa di cambiamenti da poter applicare tranquillamente ad essa il concetto di “rivoluzione”.


Laboratorio

Panorama

Biblioteca

Strutture