immagine copertina
3·4

rivista semestrale
anno II · numero 3-4
gennaio-dicembre 2009

Medioevo. Parole e immagini, Roma 12 ottobre- 4 novembre 2009

Scritto da Silvia Giuliano.

In occasione dell’iniziativa Ottobre piovono libri: i luoghi della lettura, l’Istituto storico italiano per il Medioevo con la collaborazione dell’Agiscuola ha organizzato cinque incontri dedicati alla rappresentazione del Medioevo nella cinematografia e destinati sia agli studenti delle scuole secondarie superiori, sia ad un più ampio pubblico di appassionati di storia medievale.

I primi quattro appuntamenti si sono tenuti nella bella sede romana dell’Agiscuola e prevedevano la proiezione integrale di una pellicola d’argomento medievale, una conferenza di carattere divulgativo tenuta da uno specialista delle tematiche toccate dal film e la lettura di eloquenti passi presi da famosi testi medievali e di brani tratti da saggi particolarmente importanti nel percorso della ricerca medievistica proposti dagli attori Silvia Giuliano e Andrea Giuliano.

L’incontro conclusivo si è svolto all’Istituto storico italiano per il Medioevo dove studiosi di storia medievale, esperti di storia della cultura e uomini di cinema e di scuola si sono confrontati in una tavola rotonda dedicata al possibile impiego della cinematografia per la didattica.

Acquista questo articolo

Per acquistare solo questo articolo, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Casalini nel quale potrai effettuare l'acquisto e scaricare il singolo articolo.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

n. 3·4

Sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Editoriale

Questioni

Ricerche

Ricerche monografiche

Dossier

La rivoluzione digitale

a cura di Alessandro Cavalli

Quando abbiamo deciso di dedicare i primi tre dossier di questa rivista, il primo alla rivoluzione neolitica, il secondo alla rivoluzione industriale e il terzo alla rivoluzione digitale abbiamo implicitamente fatto l’assunzione che quest’ultima è destinata ad avere un impatto sulle società umane comparabile a quello che hanno avuto le altre due. Ci siamo cioè trasformati mentalmente negli storici del futuro, immaginando che quando questi studieranno retrospettivamente l’epoca nella quale noi viviamo oggi la valuteranno così densa di cambiamenti da poter applicare tranquillamente ad essa il concetto di “rivoluzione”.


Laboratorio

Panorama

Biblioteca

Strutture