immagine copertina
3·4

rivista semestrale
anno II · numero 3-4
gennaio-dicembre 2009

Avanti, nonostante i problemi

Scritto da Pedro Miralles, Rafael Valls.

A proposito del XX Simposio internazionale di didattica delle scienze sociali e del I Convegno internazionale italo-spagnolo di didattica delle scienze sociali

L'esigenza che Auschwitz non si ripeta
è in assoluto la prima in campo educativo.
T. Adorno

Esiste realmente un concetto unitario e valido di «cittadinanza europea»? Sono applicabili i principi di questa cittadinanza in un’Europa fortemente multiculturale? Quali sono le caratteristiche culturali che dovrebbe avere un cittadino europeo ideale o modello prototipo? Quale deve essere il compito dell’educazione nella formazione di un’identità ed una coscienza da cittadini europei? Di quali conoscenze di storia, geografia, ecc. dovrebbe tener conto un cittadino europeo?

Sono alcune delle domande che sono state poste – per quanto non tutte abbiano una risposta – al Congresso internazionale italo-spagnolo di didattica delle scienze sociali, tenutosi a Bologna (31 marzo-3 aprile 2009), che ha suggellato la collaborazione tra l’associazione spagnola Aupdcs (Associazione universitaria dei professori di didattica delle scienze sociali) e le italiane Dipast (Centro internazionale di didattica della storia e del patrimonio) e Clio ’92 (Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia).

Acquista questo articolo

Per acquistare solo questo articolo, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Casalini nel quale potrai effettuare l'acquisto e scaricare il singolo articolo.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

n. 3·4

Sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Editoriale

Questioni

Ricerche

Ricerche monografiche

Dossier

La rivoluzione digitale

a cura di Alessandro Cavalli

Quando abbiamo deciso di dedicare i primi tre dossier di questa rivista, il primo alla rivoluzione neolitica, il secondo alla rivoluzione industriale e il terzo alla rivoluzione digitale abbiamo implicitamente fatto l’assunzione che quest’ultima è destinata ad avere un impatto sulle società umane comparabile a quello che hanno avuto le altre due. Ci siamo cioè trasformati mentalmente negli storici del futuro, immaginando che quando questi studieranno retrospettivamente l’epoca nella quale noi viviamo oggi la valuteranno così densa di cambiamenti da poter applicare tranquillamente ad essa il concetto di “rivoluzione”.


Laboratorio

Panorama

Biblioteca

Strutture