immagine copertina
5·6

rivista semestrale
anno III · numero 5-6
gennaio-dicembre 2010

6. Campagne curtensi senza economia chiusa

Scritto da Giuseppe Albertoni.

A lungo l’economia altomedievale è stata contrapposta nettamente a quella del pieno e del basso Medioevo: tanto quest’ultima sarebbe stata contrassegnata dalla centralità della vita cittadina e dal dinamismo di mercanti e artigiani, tanto la prima sarebbe stata dominata da una dimensione rurale e locale, basata sull’autoconsumo. All’economia monetaria si opponeva così un’economia chiusa. Da decenni ormai questa netta contrapposizione, spesso riproposta nella manualistica, è stata abbandonata dalla ricerca storica. Infatti, pur riconoscendo le differenze strutturali tra l’alto e il basso Medioevo, studi specifici e quadri di sintesi da un lato hanno dimostrato lo stretto legame tra l’economia curtense e l’attività mercantile, a livello locale e sovra-regionale – con la relativa circolazione monetaria –, dall’altro hanno analizzato i principi dell’economia altomedievale, nella quale giocavano un ruolo fondamentale l’ostentazione delle ricchezze e la loro distribuzione tra coloro che erano legati da fedeltà personali ai sovrani o ai “potenti”.

1. Marc Bloch e la fine dell’economia chiusa

Non sempre la ricerca storica procede in modo lineare e progressivo. Quest’osservazione è valida in modo particolare per quel che riguarda gli studi sull’economia d’età carolingia e sul ruolo in essa giocato dall’azienda curtense, temi che già agli inizi del Novecento furono al centro di un’ampia monografia dello storico austriaco Alfons Dopsch, intitolata non a caso Sviluppo economico dell’età carolingia. Profondo conoscitore delle fonti dell’VIII e del IX secolo, Dopsch presentava nel suo testo un quadro ampiamente innovativo, che dimostrava il dinamismo dell’economia carolingia, non riconducibile solo al ruolo, pur centrale, della grande proprietà fondiaria e dell’economia curtense.

Acquista questo articolo

Per acquistare solo questo articolo, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Casalini nel quale potrai effettuare l'acquisto e scaricare il singolo articolo.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

n. 5·6

Sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Editoriale

Questioni

Ricerche

Dossier

Laboratorio

Panorama

Biblioteca

Strutture